Scroll to top

IN VENDITA DALLE ORE 10.00 del 14 NOVEMBRE

 

di e con Massimo Popolizio

Regista e interprete di grande sapienza e inventiva, Massimo Popolizio si confronta con Furore di John Steinbeck, in uno spettacolo lirico ed epico che porta sul palco la crisi agricola, economica e sociale che stritolò gli Stati Uniti in una morsa fra il 1929 e l’attacco a Pearl Harbor. Raccontando le sventure della famiglia Joad, e i motivi di una delle più devastanti migrazioni di contadini della storia moderna, Popolizio dà vita ad un racconto realista e visionario, ancora sorprendente per la sua dolorosa attualità. Leggendo Furore, impariamo ben presto a conoscere un personaggio senza nome che muove i fili della storia. Nulla gli è estraneo: conosce il cuore umano e la disperazione dei derelitti come se fosse uno di loro, ma a differenza di loro conosce anche le cause del loro destino, le dinamiche ineluttabili dell’ingiustizia sociale, le relazioni che legano le storie dei singoli al paesaggio naturale, agli sconvolgimenti tecnologici, alle incertezze del clima

Struttura

Teatro Sociale di Alba - Sala Abbado

Piazza Vittorio Veneto 3

12051 Alba (CN)

Orari

ore 21.00

Prezzi

da 22,00€ a 28,00€ inclusi diritti di prevendita

Diritti di agenzia

10% a biglietto, saranno calcolati nel riepilogo ordine

Consegna

I biglietti saranno inviati in formato PDF da presentare all'ingresso dell'evento

Importante

Si ricorda che una volta effettuato l'acquisto non sarà possibile modificare data, orario e tipologia biglietto. Non sono previsti annulli e rimborsi.

Non ci sono date disponibili

ok

Attenzione

ok

Eventi correlati

Fedeltà
Alba | dal 26.10.2022 al 01.05.2023
newsletter

Scopri per primo tutti i nuovi eventi in programma e godi di promozioni uniche e vantaggiose.

Comunicazione di servizio - TICKET.IT

Questo evento è gestito dalla precedente edizione del sito Ticket.it.

Stai per essere reindirizzato su Carrello.Ticket.it per visualizzare il dettaglio dell’evento e procedere con il tuo acquisto

Ci scusiamo per il momentaneo disagio